Senso del pudore

Crediti immagine Dana1981(CC)

Sebbene in USA l’inverno sia mite e il 1. aprile di là da venire, 16 “scienziati scettici”" hanno pubblicato tesi complottiste sugli scienziati stalino-capitalisti, che vogliono dissanguare la plebe a suon di carbon tax mentre si procurano finanziamenti miliardari, e sul riscaldamento globale morto un’altra volta nel 1997. In Italia, i firmatari riscuotono l’ammirazione della militanza cattolico-creazionista.

Oltre al dott. Enzo Pennetta, che su “Critica scientifica” (sic) spera la morte sia foriera di quella del “darwinismo”, su Italia Oggi e gratis su Yahoo-Finanza, la giornalista Alessandra Nucci è entusiasta (link ai dati reali aggiunti dalla custode):

Non c’è da allarmarsi per il riscaldamento globale, non ci sono basi scientifiche che giustifichino azioni drastiche per «decarbonizzare» il mondo. Se a convincercene non bastasse il gelo record di questi giorni, a ricordarcelo ci hanno pensato 16 scienziati di rango sul Wall Street Journal, che in un articolo indirizzato ai candidati politici delle democrazie del mondo smontano l’idea che la comunità scientifica sottoscriva all’unanimità o quasi la necessità di fare qualcosa per tentare di influire sul clima.

L’autrice è convinta che l’Europa copra l’intero globo, che l’emisfero sud non esista e che centinaia di migliaia di ricerche possano essere smontate dall’editoriale di 12 dilettanti – di cui l’impostore Claude Allègre e l’eroe nazionale Antonino Zichichi - e di 4 ricercatori le cui ipotesi “alternative” sono miseramente crollate.

Convinta anche di sapere l’inglese, traduce un passo in cui i firmatari paragonano il terrore che detta comunità fa regnare sui “dissidenti” (1) al

«periodo pauroso in cui Trofim Lysenko aveva dirottato la biologia in Unione sovietica. I biologi sovietici che rivelavano di credere nel gene umano, che Lysenko diceva essere una finzione borghese, venivano licenziati; molti finirono nei gulag e alcuni furono condannati a morte»

Il “gene umano” è una sua licenza poetica. Felice di averla attribuita a “scienziati di rango”, con tipico senso del pudore tace sulla smentita che il Wall Street Journal ha dovuto pubblicare, per tradurre invece una “notizia” del Daily Bufala, derisa ufficialmente anch’essa:

La notizia si aggiunge ai nuovi dati rilasciati in questi giorni dal noto Centro di ricerche sul clima dell’Università dell’East Anglia, secondo cui la temperatura del pianeta da 15 anni a questa parte non è aumentata affatto. E se hanno ragione gli scienziati della Nasa, potremmo trovarci alla vigilia di una mini era glaciale, paragonabile al calo delle temperature che nel XVII secolo faceva svolgere le fiere sulla superficie del Tamigi congelato.

Gli “scienziati della NASA” affermano che i risultati del loro modello

suggeriscono che una riduzione dell’attività solare a livelli mai visti in centinaia di anni non basterebbe a compensare l’influenza dominante dei gas serra sulle temperature globali del 21mo secolo.

La pudica Alessandra Nucci tace anche sull’invenzione più osée dei 16 “scienziati”

Un recente studio dell’economista di Yale, William Nordhaus, mostra che il rapporto costi-benefici quasi (sic) più alto viene ottenuto con misure che consentono altri 50 anni di crescita economica non ostacolata da controlli sui gas serra.

così commentata da Nordhaus:

Da tempo, il mio lavoro (2) dice che le misure per rallentare il riscaldamento globale avrebbero benefici economici netti, dell’ordine dei trilioni di dollari al valore attuale… Posso solo presumere che gli autori siano completamente ignoranti dell’economia di questa materia o che travisino volutamente i miei risultati.

Come dice il motto del dott. Pennetta:

Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero.

***

(1) “I dissidenti” citati nell’articolo sono Chris De Freitas che dovette lasciare la direzione di Climate Research dopo che il comitato scientifico si era dimesso per protesta contro la sua decisione di pubblicare pseudo-ricerche di Soon & Baliunas, Pat Michaels e altri autori finanziati da petrolieri. Da allora, la rivista è tornata di buon livello.

Per le persecuzioni di Big Oil & Carbon e dei politici contro gli scienziati, si veda questa antologia.

(2) Questo il “recente studio” e notevole anche quello del 2011.

Grazie a Il corsaro, climafluttuante e “blucher” per le segnalazioni, e a Dana 1981 di Skeptical Science per il mitico grafico.

Crediti immagine Dana1981(CC)


Filed under: IL PARCO DELLE BUFALE Tagged: Alessandra Nucci, Antonino Zichichi, clima, creazionismo, ECONOMIA, POLITICA

Questo articolo è pubblicato su OggiScienza
con licenza creative commons.
9 febbraio 2012

OggiScienza TV – Una gran brutta aria per le città

OGGISCIENZA TV - Mobilità sostenibile, due parole che racchiudono la "ricetta" per ridurre mali comuni a molte realtà urbane come il traffico, l’inquinamento atmosferico e quello acustico. E che si tratti di problemi niente affatto risolti ce lo conferma il dossier annuale di Legambiente che si occupa di questi temi, Mal’Aria. Qui alcune proposte di ACI e Legambiente per la mobilità sostenibile. Ne parla Viviana Valentini, dell’ufficio scientifico di Legambiente

17 febbraio 2012
 

OggiScienza TV – Una gran brutta aria per le città

OGGISCIENZA TV - Mobilità sostenibile, due parole che racchiudono la "ricetta" per ridurre mali comuni a molte realtà urbane come il traffico, l’inquinamento atmosferico e quello acustico. E che si tratti di problemi niente affatto risolti ce lo conferma il dossier annuale di Legambiente che si occupa di questi temi, Mal’Aria. Qui alcune proposte di ACI e Legambiente per la mobilità sostenibile. Ne parla Viviana Valentini, dell’ufficio scientifico di Legambiente

17 febbraio 2012
 

Green Your School Challenge

SPECIALE MILLUMINODIMENO-  “Amiamo i giovani. Sono creativi, capaci di stare in rete e frustrati che il nostro mondo sia così mal messo” sono queste le prime parole che si leggono su Do Something.org, sito internet di quella che è diventata una delle più importanti iniziative degli Stati Uniti per i giovani e il cambiamento sociale. [...]

17 febbraio 2012
 

Green Your School Challenge

SPECIALE MILLUMINODIMENO-  “Amiamo i giovani. Sono creativi, capaci di stare in rete e frustrati che il nostro mondo sia così mal messo” sono queste le prime parole che si leggono su Do Something.org, sito internet di quella che è diventata una delle più importanti iniziative degli Stati Uniti per i giovani e il cambiamento sociale. [...]

17 febbraio 2012
 

MrPod – La fisica è (anche) donna

MRPOD - La fisica è stata storicamente un ambiente in cui le donne hanno avuto poco spazio. Fra i fisici famosi del secolo scorso, solo Marie Curie è entrata nell'immaginario comune, insieme ad Einstein, Botlzmann, Feynman e tanti altri uomini. Oggi però le cose cambiano e ci sono sempre più donne anche nelle posizioni di maggior responsabilità nella fisica nucleare e delle particelle (e all'Italia in questo spetta un primato). Noi abbiamo sentito Patrizia Rossi, dell'INFN, neonominata vicedirettore della Divisione fisica dei Jefferson Lab, in Virginia, negli Stati Uniti, e Fabiola Gianotti, responsabile dell'esperimento ATLAS di LHC, al Cern di Ginevra.

16 febbraio 2012
 

MrPod – La fisica è (anche) donna

MRPOD - La fisica è stata storicamente un ambiente in cui le donne hanno avuto poco spazio. Fra i fisici famosi del secolo scorso, solo Marie Curie è entrata nell'immaginario comune, insieme ad Einstein, Botlzmann, Feynman e tanti altri uomini. Oggi però le cose cambiano e ci sono sempre più donne anche nelle posizioni di maggior responsabilità nella fisica nucleare e delle particelle (e all'Italia in questo spetta un primato). Noi abbiamo sentito Patrizia Rossi, dell'INFN, neonominata vicedirettore della Divisione fisica dei Jefferson Lab, in Virginia, negli Stati Uniti, e Fabiola Gianotti, responsabile dell'esperimento ATLAS di LHC, al Cern di Ginevra.

16 febbraio 2012
 

Consigli per il risparmio

SPECIALE MILLUMINODIMENO - Ogni kilowattora conta, conta ogni kilowattora. Con questo gioco di parole l’Enea ha lanciato un e-book per sensibilizzare i cittadini sull’efficienza energetica, suggerendo una serie di semplici azioni che possono fare la differenza in termini di consumi energetici. Prima di capire dove possiamo risparmiare, dobbiamo sapere dove finisce l’energia che utilizziamo. Secondo i calcoli dell’Enea, il fabbisogno medio di energia di una famiglia deriva per il 54% dal riscaldamento, per il 31% dal trasporto, per il 7% dalla produzione di acqua calda e infine per il 3-8% dall’utilizzo di apparecchi domestici e dispositivi elettronici.

16 febbraio 2012
 

Consigli per il risparmio

SPECIALE MILLUMINODIMENO - Ogni kilowattora conta, conta ogni kilowattora. Con questo gioco di parole l’Enea ha lanciato un e-book per sensibilizzare i cittadini sull’efficienza energetica, suggerendo una serie di semplici azioni che possono fare la differenza in termini di consumi energetici. Prima di capire dove possiamo risparmiare, dobbiamo sapere dove finisce l’energia che utilizziamo. Secondo i calcoli dell’Enea, il fabbisogno medio di energia di una famiglia deriva per il 54% dal riscaldamento, per il 31% dal trasporto, per il 7% dalla produzione di acqua calda e infine per il 3-8% dall’utilizzo di apparecchi domestici e dispositivi elettronici.

16 febbraio 2012
 

Road to evolution

AMBIENTE - La vita degli animali a ridosso dei fitti reticoli stradali è tutt'altro che semplice, non solo per l'elevata probabilità di rimanere schiacciati dai veicoli sfreccianti e per la frammentazione dell'habitat che ne limita le capacità di dispersione, ma anche a causa dell'impoverimento delle condizioni ecologiche nelle aree limitrofe. Le condizioni imposte dalla continua antropizzazione dell'ambiente possono quindi fungere, oltre che da fattori che limitano la sopravvivenza e/o le prestazioni degli organismi nell'immediato, anche da nuovi agenti selettivi che potrebbero determinare profonde modificazioni delle popolazioni nel corso del tempo. Un'interessante conferma di ciò giunge dalle pagine di Scientific Report, la rivista open access del gruppo editoriale di Nature, e riguarda un piccolo anfibio, la salamandra maculata (Ambystoma maculatum) nel Connecticut.

16 febbraio 2012
 

Road to evolution

AMBIENTE - La vita degli animali a ridosso dei fitti reticoli stradali è tutt'altro che semplice, non solo per l'elevata probabilità di rimanere schiacciati dai veicoli sfreccianti e per la frammentazione dell'habitat che ne limita le capacità di dispersione, ma anche a causa dell'impoverimento delle condizioni ecologiche nelle aree limitrofe. Le condizioni imposte dalla continua antropizzazione dell'ambiente possono quindi fungere, oltre che da fattori che limitano la sopravvivenza e/o le prestazioni degli organismi nell'immediato, anche da nuovi agenti selettivi che potrebbero determinare profonde modificazioni delle popolazioni nel corso del tempo. Un'interessante conferma di ciò giunge dalle pagine di Scientific Report, la rivista open access del gruppo editoriale di Nature, e riguarda un piccolo anfibio, la salamandra maculata (Ambystoma maculatum) nel Connecticut.

16 febbraio 2012
 

© Copyright SISSA - Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati - Trieste (Italy) - 2001-2011