Esempi di composti che si scindono

chimica060817
Un esempio di composto chimico che in laboratorio può scindersi in due sostanze semplici, tipo l'idrolisi dell'acqua..
Federica Bussi
14 luglio 2006
In natura esistono molti composti chimici in cui due o più elementi sono legati in modo stabile a formare sostanze gassose, come gli ossidi di azoto, o sostanze liquide, come l'acqua, o sostanze solide, come il cloruro di sodio e il carbonato di calcio. Non molti invece sono gli elementi che sono stabili singolarmente.

Tra questi, l'ossigeno (O2) e l'azoto (N2) in fase gassosa, il mercurio (Hg) in fase liquida, lo zolfo (S) e il carbonio (C) in fase solida (basta pensare alle miniere di zolfo in Sicilia e a quelle di diamanti in Sud Africa). La chimica però è stata in grado negli anni di sviluppare metodi più o meno complessi per produrre sostanze elementari a partire dai composti naturali. Tra questi metodi, alcuni sono molto dispendiosi in termini energetici, e per questo motivo si possono realizzare solo in laboratorio su piccole quantità, dell'ordine dei grammi o dei milligrammi. Altri invece sono processi molto economici, tanto che sono alla base di processi industriali, usati per produrre tonnellate di sostanze chimiche.

L'idrolisi, o meglio l'elettrolisi, dell'acqua (H2O) nei suoi componenti, ossigeno (O2) e idrogeno (H2), non è un processo economico. Per definizione, l'elettrolisi è un processo in cui energia elettrica viene trasformata in energia chimica, esattamente l'opposto di quanto accade in una pila, dove energia chimica viene convertita in energia elettrica. L'acqua però non è l'unica sostanza che per elettrolisi si converte nei suoi elementi. Piuttosto nota, anche a livello industriale, è l'elettrolisi dei sali fusi, come il cloruro di sodio (NaCl) o il cloruro di magnesio (MgCl2). Facendo passare corrente elettrica in MgCl2, per esempio, si ottiene il magnesio metallico (Mg) e il cloro gassoso (Cl2).

I dettagli di queste reazioni chimiche si possono trovare in tutti i testi di base di chimica, come ad esempio i Fondamenti di Chimica, di P. Silvestroni (Ed. Veschi-Masson, Milano). Per chi vuol sapere di più dei processi di elettrolisi, segnalo anche i seguenti siti:

http://www.funsci.com/fun3_it/elettro/elettro.htm

http://it.wikipedia.org/wiki/Elettrochimica

http://www.accademiaxl.it/biblioteca/virtuale/percorsi/testi/percorsi.asp?page=7

http://www.liceofoscarini.it/fisica94/nozelettrochimica.html

Valentina Domenici Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale, Università di Pisa
Keywords: chimica inorganica

© Copyright SISSA - Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati - Trieste (Italy) - 2001-2011