Le frequenze di vibrazione di ogni oggetto

Se ogni oggetto ha una sua specifica frequenza di vibrazione, data dalle caratteristiche dell'oggetto stesso, come mai colpendo una porta, per esempio, con le nocche delle dita, questa dà un suono, mentre colpendola con un gomito con la stessa intensità, ne dà un altro?
Agata Leo
6 settembre 2003
I corpi solidi e in particolare quelli di costruzione o composizione complessa come una porta, possiedono in verità un'intera gamma di frequenze caratteristiche, o di risonanza, che corrispondono a diversi tipi di deformazione e vibrazione a cui può essere sottoposto l'oggetto (se così non fosse, la costruzione di strumenti musicali sarebbe alquanto più complessa e i suoni da loro prodotti molto meno gradevoli).
Il suono generato dalla percussione dipende anche dalla forma e dalla composizione (proprietà elastiche e di smorzamento) del percussore; per oggetti dotati di geometrie complesse è importante il punto in cui avviene l'urto (in sintesi: il suono prodotto dipende anche dal tipo di "sorgente"). Lo strumento percussore stimola infatti con intensità ineguale le diverse frequenze di risonanza dell'oggetto, in quanto produce una deformazione iniziale caratteristica (la deformazione prodotta dalle nocche ha una conformazione diversa da quella provocata dal gomito); la sovrapposizione delle singole componenti in frequenza produce il segnale acustico finale, che apparirà al nostro orecchio diverso, a seconda delle intensità relative delle componenti presenti. Si noti che l'energia totale rilasciata dai vari tipi di percussori può anche essere sempre la stessa: quello che cambia è il modo in cui questa energia viene distribuita tra le varie frequenze disponibili.
Daniele Madonna Ripa I.N.Ri.M. (Istituto Nazionale Ricerca Metrologica) Torino
Keywords: acustica, fisica

© Copyright SISSA - Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati - Trieste (Italy) - 2001-2011